La tecnica dello spolvero nei dipinti antichi

La tecnica dello spolvero: in che modo i grandi del Rinascimento eseguivano i dipinti

da Finestre sull’arte 30-9-2020

Dettaglio del disegno del Crocifisso di Giotto

La diffusione della carta, a partire dagli anni Sessanta e Settanta del XIII secolo, è stata una delle più importanti innovazioni della storia dell’arte: fino ad allora, infatti, il disegno preparatorio di un’opera pittorica veniva tracciato in maniera diretta sul supporto. Così si faceva in epoca bizantina, quando il disegno era tracciato sull’intonaco, a mano libera o con l’aiuto di strumenti (occorreva aver maturato un’esperienza tale da non commettere sbagli, dal momento che la correzione di eventuali errori era decisamente complicata), e così si faceva anche nell’ambito della pittura medievale prima che la carta diventasse materiale comune. Diverse analisi condotte, ad esempio, sulle croci dipinte, hanno riscontrato questo tipo di tecnica: prendiamo come esempio la croce di Rosano, opera del XII secolo (probabilmente dipinta attorno al 1120), che è stata di recente sottoposta a indagini riflettografiche volte a stabilire cosa si celi sotto il dipinto. Leggi tutto “La tecnica dello spolvero nei dipinti antichi”