Quando una donna deve lasciare il posto: Creusa, moglie di Enea

Che fine ha fatto Creusa? Un’esegesi drammatica

Speciale “Classical reception”. In un affresco di Palazzo Ratta attribuito a Ludovico Carracci, al tradizionale gruppo di Enea in fuga da Troia si aggiunge la figura della moglie dell’eroe, rapita mentre dà l’ultimo saluto ad Ascanio. Così l’artista bolognese «colmava» il silenzio di Virgilio

di Ermanna Panizon, Alias, 9-8-2020

Ludovico Carracci, La fuga di Enea, part.,1586-’87,  Bologna, Palazzo Ratta

Ludovico Carracci, La fuga di Enea, part.,1586-’87, Bologna, Palazzo Ratta

Un uomo lascia la propria città in fiamme portando sulle spalle il padre e tenendo per mano il figlio. Immagine emblematica di pietas filiale, simbolo della rinascita di una nazione, il gruppo di figure composto da Enea, Anchise e Ascanio in fuga da Troia appartiene alla cultura figurativa europea; se volessimo tracciare la storia di questo tema attraversando le epoche, non dovremmo temere cesure nel nostro racconto: lo troviamo dipinto sui vasi greci a figure nere, modellato sulle lucerne in terracotta romane, delineato dal fine pennello dei miniatori medievali. Leggi tutto “Quando una donna deve lasciare il posto: Creusa, moglie di Enea”