Illustrare la Divina Commedia: ne parleremo nelle future conferenze

Dante a Forlì, una mostra che è come un’enciclopedia su Dante nella storia dell’arte

di Federico Giannini, Finestre sull’arte, 2-7-2021

Federico Zuccari, Caronte. Terremoto e svenimento di Dante (Inf., III) (1585-1588 circa; pietra nera e rossa su carta bianca vergata, 448 x 615 mm; Firenze, Gallerie degli Uffizi, Gabinetto dei Disegni e delle Stampe)

Recensione della mostra “Dante. La visione dell’arte”, a Forlì, Musei San Domenico, fino all’11 luglio 2021.

C’è un momento piuttosto preciso, nel corso della storia, in cui è possibile individuare i prodromi della costruzione dell’odierno mito di Dante. Il culto dantesco, in altri termini, ha un luogo e una data di nascita, ovvero l’Inghilterra della fine del Settecento, e un padre sicuramente inconsapevole, Joshua Reynolds, ma che fu tuttavia capace di recuperare per la prima volta i temi della Commedia senza tener conto delle implicazioni religiose, teologiche e morali del poema, preoccupandosi più di restituire la potenza visionaria dell’immaginario dantesco. Leggi tutto “Illustrare la Divina Commedia: ne parleremo nelle future conferenze”

“Et in arcadia ego”: le ambigue parole della morte

Panofksy, i pastori d’Arcadia fra due significati

di Stefano Pierguidi, alias, 27-6-2021

Nicolas Poussin,

Nicolas Poussin, “Et in Arcadia ego”, c. 1638, Parigi, Musée du Louvre

Folgorazioni / Storici dell’arte: Erwin Panofky.  All’”Et in Arcadia ego” di Nicolas Poussin, versione del Louvre, Erwin Panofsky dedicò nel 1936 un saggio, rivisto nel ’55, all’origine di una celebre controversia, protagonisti Louis Marin e Lévi-Strauss Leggi tutto ““Et in arcadia ego”: le ambigue parole della morte”

Un restauro esemplare: l’Epifania di Leonardo che sconvolge il genere umano

L’Adorazione dei Magi di Leonardo da Vinci: parlando con Marco Ciatti dell’opera e del restauro

di Federico Giannini, Finestre sull’arte, 5-7-2017

Leonardo da Vinci, Adorazione dei Magi

L’Adorazione dei Magi, capolavoro di Leonardo da Vinci, ha subito un lungo restauro. Ne abbiamo parlato con chi lo ha diretto, Marco Ciatti, Soprintendente dell’Opificio delle Pietre Dure.

I Canonici Regolari di Sant’Agostino probabilmente non immaginavano che il dipinto che avevano commissionato a Leonardo da Vinci (Vinci, 1452 – Amboise, 1519) nel 1481 non sarebbe mai stato terminato. Anzi: attesero per anni che il grande genio del Rinascimento facesse ritorno a Firenze per portare a compimento la sua Adorazione dei Magi, che i frati volevano destinare alla chiesa di San Donato in Scopeto, poi distrutta poco prima dell’assedio del 1529.

Leggi tutto “Un restauro esemplare: l’Epifania di Leonardo che sconvolge il genere umano”

Quanto può durare la verginità di Maria?

Dispute teologiche intorno alla nascita

di Nadia Maria Filippini, il manifesto, 23-12-2020

Antonio Veneziano, «Madonna del parto» (Pieve di San Lorenzo, Pontassieve)

Antonio Veneziano, «Madonna del parto» (Pieve di San Lorenzo, Pontassieve)

AVVENTO. Il parto verginale di Maria. Tra esaltazione della maternità e rimozione. Per secoli il dibattito si è snodato intorno al modo in cui la ragazza di Nazareth ha «dato alla luce» Gesù. L’ostilità verso la materialità del corpo ha pesato sul vissuto femminile fino alla presa di parola del movimento delle donne Leggi tutto “Quanto può durare la verginità di Maria?”

Antelami scultore tra romanico e gotico

I capolavori di Benedetto Antelami sulla facciata del Battistero di Parma: lo zooforo e i portali

di Ilaria Baratta 10-12-2020

Il Battistero di Parma. Ph. Credit Comune di Parma

Nel centro storico di Parma sorge vicino al Duomo una delle maggiori imprese artistiche del Duecento italiano, il Battistero, il cui esterno denota uno stretto legame tra scultura e architettura, come solo Benedetto Antelami (Val d’Intelvi, 1150 circa – Parma, 1230) sapeva fare. Considerato tra i monumenti più significativi del passaggio dal romanico al gotico, rimanda alle più moderne tendenze culturali europee di allora, perché a differenza della tradizione romanica e più similmente invece ai portali delle chiese gotiche francesi, come Chartres, Notre-Dame e Amiens, si delinea una forte connessione iconografica tra lunetta, architrave e archivolto, a cui si aggiungono gli stipiti scolpiti, tipici della tradizione romanica. Leggi tutto “Antelami scultore tra romanico e gotico”

Michelangelo e Signorelli di fronte a una reliquia della croce

La scoperta del Titulus Crucis e le reazioni nell’arte: Michelangelo e Signorelli

da Finestre sull’arte 14-11-2020

Michelangelo, Crocifisso di Santo Spirito (1493 circa; legno policromo, 139 x 135 cm; Firenze, Santo Spirito)

Nel 1492, la scoperta del Titulus Crucis, ovvero la reliquia che si considerava la vera iscrizione della croce di Gesù, suscitò scalpore ed entusiasmo. Ed ebbe riflessi nell’arte: i primi a reagire furono Michelangelo e Luca Signorelli.

Leggi tutto “Michelangelo e Signorelli di fronte a una reliquia della croce”

Le allegre vite dei santi. Spunti di letture

Corpi dei santi, in bilico tra straordinari privilegi e quotidiana familiarità

Medioevo. Dagli studi di André Vauchez all’età di mezzo di Jack Hartnell, tra vita e morte

di Marina Montesano, il manifesto 12-6-2020

Andrea Orcagna, Redentore e santi, 1357: Polittico della Cappella Strozzi, Mantova

Andrea Orcagna, Redentore e santi, 1357: Polittico della Cappella Strozzi, Mantova

Una forma di racconto che ha le sue origini nell’età tardoantica e che rivestì grande importanza nei secoli successivi è data dalle Passiones, poi Vitae dei santi. L’agiografia rappresenta un genere letterario fondamentale per comprendere il medioevo, al di là della sterile distinzione tra gli elementi fantastici (prevalenti) e quelli reali delle biografie dei santi, peraltro già ampiamente operata dai padri «bollandisti» a partire XVII secolo.

Leggi tutto “Le allegre vite dei santi. Spunti di letture”

La ricerca di un capro espiatorio

Simonino e l’accusa del sangue

Di Massimo Romero, alias 15-3-2020

Hartmann Schedel, Il martirio di Simonino, part., da “Liber Chronicarum”, Norimberga, 1493

A Trento, Museo Diocesano, “L’invenzione del colpevole. Il ‘caso’ di Simonino da Trento dalla propaganda alla storia”. Arte e antisemitismo: la mostra sul culto del piccolo Simone, la cui morte violenta, nel secondo Quattrocento, fu imputata ai riti pasquali ebraici

Leggi tutto “La ricerca di un capro espiatorio”