Miseri ma comuni esempi di erronea utilizzazioni di architetture storiche come contenitori

Lecce: il tendone da circo e l’ex chiostro dei Teatini.

Fabio Grasso, emergenza cultura 8-1-2019

Il gran circo dei beni culturali: nanetti, giocolieri, saltimbanchi e donne cannone*

Episodio 2/6.

Ironia a parte qui non si critica in termini assoluti la scelta dei colori né quella di impiantare un tendone all’interno del chiostro, lo ribadiamo, ma l’assoluta mancanza di un’idea di spazio, un’idea progettuale che scaturisca da una valutazione attenta e precisa della storia dell’edificio e di quell’edificio in quella città. Leggi tutto “Miseri ma comuni esempi di erronea utilizzazioni di architetture storiche come contenitori”

Musei e mercato

I musei sono pubblici, ma gli interessi privati

Tomaso Montanari

Gratis – Il Consiglio di Stato invita a concertare le aperture domenicali con i soggetti turistici coinvolti
 Nella storia della nostra trasformazione da economia a società di mercato, cioè nella storia che racconterà come la parola “valore” si sia ridotta a un unico significato (quello economico), le osservazioni del Consiglio di Stato sulle aperture gratuite dei Musei statali (01631/2018) meriteranno una piccola nota a piè di pagina.

Leggi tutto “Musei e mercato”

L’incapacità di leggere la storia e gli spazi vuoti e il partito traversale del cemento

Tomaso Montanari: Gli Arconi di Perugia stuprati

E sì che Raffaello a Perugia dovrebbe essere di casa. Ma nulla, non sarebbe potuto cadere più nel vuoto il suo appello, rivolto nel 1519 a papa Leone X, a mettere pace tra passato e presente, a costruire, sì, “grandi edifici”, ma “lasciando vivo il paragone degli antichi”.

Leggi tutto “L’incapacità di leggere la storia e gli spazi vuoti e il partito traversale del cemento”

La vita dei centri storici città autentico presidio democratico contro al degrado che è sempre culturale in prima istanza

Approvate questa legge per salvare i centri storici

di Tomaso Montanari, Fatto Quotidiano 19-11-2018

Una sfida a Camera e Senato. Alla maggioranza “del cambiamento”, e alla minoranza “della responsabilità”. Una sfida costruttiva: capace di riportare nelle aule parlamentari lo sguardo lungimirante e la lingua chiara e profonda della Costituzione.

 

Leggi tutto “La vita dei centri storici città autentico presidio democratico contro al degrado che è sempre culturale in prima istanza”

Felicori: nessun rimpianto, ha trasformato la reggia in un brand pubblicitario

Tomaso Montanari, Felicori lascia una Reggia brandizzata quanto fragile

 

Immagine correlata

Pubblicità per Thun-house sulla Reggia di Caserta

Mauro Felicori santo subito. L’ex direttore dei Cimiteri comunali di Bologna proiettato dalla riforma dei musei del suo conterraneo Dario Franceschini alla guida della Reggia di Caserta è un eroe nazionale.

Leggi tutto “Felicori: nessun rimpianto, ha trasformato la reggia in un brand pubblicitario”

Le chiese del Fondo Edifici Culto a pagamento?

Salvini potrebbe introdurre un biglietto a pagamento per visitare le chiese italiane?

Federico Giannini, 4-11-2018

A qualcuno potrà suonare come un paradosso, ma è noto che il Ministero dell’Interno gestisce un vastissimo patrimonio culturale, uno dei più preziosi del mondo: è il patrimonio del Fondo Edifici di Culto (FEC), un ente che detiene la proprietà di oltre ottocento chiese in tutta Italia. Fanno parte del FEC chiese importanti come Santa Croce e Santa Maria Novella a Firenze (oltre ai loro complessi monumentali), Santa Maria in Aracoeli, Santa Maria del Popolo, Sant’Ignazio, Santa Maria sopra Minerva e Santa Maria della Vittoria a Roma, e ancora la chiesa del Gesù di Palermo, la basilica di San Domenico a Bologna, San Domenico Maggiore, Santa Chiara e San Gregorio Armeno a Napoli.

Firenze, la Basilica di Santa Maria Novella. Ph. Credit Finestre sull'Arte

Leggi tutto “Le chiese del Fondo Edifici Culto a pagamento?”

Città d’arte come sfondi per il turismo massificato: la perdita dell’anima

Tomaso Montanari, La “bellezza inutile” delle città

Spopolamento; espulsione dei residenti, degli artigiani e dei negozi di necessità; moltiplicazione degli alberghi e soprattutto degli airbnb, dei negozi di gadget; crescita verticale del turismo; pianificazione urbanistica che inverte le priorità, preferendo infrastrutture per i visitatori a quelle per i residenti.

Leggi tutto “Città d’arte come sfondi per il turismo massificato: la perdita dell’anima”