Non sempre gli Sgarbi sono fastidiosi, anzi: la bella mostra della Collezione Sgarbi a Ferrara

Quando i quadri ci guardano

Sabato 3 febbraio ha aperto al pubblico nel Castello Estense di Ferrara la mostra “La collezione Cavallini Sgarbi. Da Niccolò dell’Arca a Gaetano Previati. Tesori d’arte per Ferrara.”

INFORMAZIONI: Museo del Castello Estense: 0532 299233; castelloestense@comune.fe.it

Per dettagli su tariffe e agevolazioni: www.castelloestense.it

Leggi tutto “Non sempre gli Sgarbi sono fastidiosi, anzi: la bella mostra della Collezione Sgarbi a Ferrara”

Una nuova villa romana aperta a Spello

Spello, apre al pubblico la Villa dei Mosaici, una delle più importanti scoperte archeologiche recenti

È prevista per sabato 24 marzo alle ore 11 l’inaugurazione della Villa dei Mosaici di Spello, che apre le sue porte al pubblico: 500 metri quadrati recuperati per una delle più importanti scoperte archeologiche degli ultimi anni. La Villa consta di dieci ambienti dai pavimenti a mosaico, con decorazioni policrome di eccezionale valore che presentano elementi geometrici, figure umane, animali selvatici e animali fantastici. Sulle pareti ci sono inoltre tracce di stucchi e di affreschi.

Spello, apre al pubblico la Villa dei Mosaici, una delle più importanti scoperte archeologiche recenti

Leggi tutto “Una nuova villa romana aperta a Spello”

Una bella lettura del capolavoro scomparso di Caravaggio.

In attesa del viaggio a Palermo un bello spunto di lettura su un’opera che non vedremo …

La Natività di Caravaggio: il capolavoro dipinto a Roma, inviato a Palermo, e rubato nel 1969. Con un parere inedito

Nella notte tra il 17 e il 18 ottobre del 1969, la Natività con i santi Lorenzo e Francesco di Caravaggio (Milano, 1571 – Porto Ercole, 1610), uno tra i più celebrati capolavori del pittore lombardo, veniva trafugata dal luogo in cui era collocata, l’oratorio di San Lorenzo a Palermo, e da allora non è mai più stata ritrovata. Sul clamoroso furto, attribuito alla mafia, si sono rincorse varie voci (tra le quali quelle più terribili che vogliono il dipinto andato distrutto), ma l’unica certezza è che, purtroppo, al momento non abbiamo piste sicure da seguire, e le speranze di ritrovare l’opera sono pressoché nulle. Malgrado le tristi circostanze, gli studi attorno al dipinto non sono certo cessati: tutt’altro.

Caravaggio, Natività con i santi Lorenzo e Francesco
Caravaggio, Natività con i santi Lorenzo e Francesco (1600; olio su tela, 268 x 197 cm; Palermo, già nell’oratorio di San Lorenzo, trafugata nel 1969)

 

Leggi tutto “Una bella lettura del capolavoro scomparso di Caravaggio.”

Intorno alla mostra “L’ultimo Caravaggio” delle Gallerie d’Italia

“Può esistere una storia dell’arte del Seicento senza Caravaggio”. Parla Alessandro Morandotti

Caravaggio, Martirio di sant'Orsola
Caravaggio, Martirio di sant’Orsola (1610; olio su tela, 143 x 180 cm; Napoli, Gallerie d’Italia, Palazzo Zevallos Stigliano)
Gallerie d’Italia di Milano presenta L’ultimo Caravaggio. Eredi e nuovi maestri. Napoli, Genova e Milano (nelle prossime ore verrà pubblicata la recensione di Finestre sull’Arte. Tre città a confronto per inquadrare e illustrare le vicende artistiche sviluppatesi nei tre decenni (1610-1640) successivi alla scomparsa di Michelangelo Merisi, cominciando proprio dall’estremo atto di Caravaggio: il Martirio di Sant’Orsola del 1610. Da qui, un confronto con gli artisti del tempo attraverso una cinquantina di opere, lungo un periodo storico-artistico diviso tra il naturalismo caravaggesco e l’esplosione trionfante del Barocco. Tra fascinazione e resistenza al nuovo e rivoluzionario linguaggio. Perché resistenza e indipendenza all’eredità meravigliosamente ingombrante (e feconda) di Caravaggio ci fu, come spiega la mostra. Quindi, tema cardine dell’esposizione: una storia dell’arte nell’Italia seicentesca senza Caravaggio può essere ed esistere. Parola al curatore, Alessandro Morandotti.

Leggi tutto “Intorno alla mostra “L’ultimo Caravaggio” delle Gallerie d’Italia”

Nulla di nuovo ma una lettura interessante di Modigliani in una mostra onesta e chiara.

Modigliani provvidenziale a Londra

Amedeo Modigliani alla Tate Modern di Londra. Ci voleva questa mostra, dopo il caso dei falsi sequestrati a Genova: per ristabilire, con sguardo lineare e qualità di prestiti, il canone di un artista che salda Brancusi e affetti della «community» parigina.

Leggi tutto “Nulla di nuovo ma una lettura interessante di Modigliani in una mostra onesta e chiara.”